Circolare n.9

Smart working: disposizioni urgenti per la gestione dell’emergenza “coronavirus” 

Salò, 26 febbraio 2020

Segnaliamo che con il DPCM 25 febbraio 2020, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di ieri, Serie Generale n. 47, il Governo ha emanato le seguenti disposizioni urgenti in materia di smart working.  

L’art. 2 del citato DPCM dispone che “La modalità di lavoro agile disciplinata dagli articoli da 18 a 23 della Legge 22 maggio 2017, n. 81,  è  applicabile  in  via provvisoria, fino al 15 marzo 2020, per i  datori  di  lavoro  aventi sede legale o operativa nelle Regioni Emilia Romagna, Friuli  Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Veneto e Liguria, e per i lavoratori ivi residenti o domiciliati che svolgano attività  lavorativa  fuori  da tali territori, a ogni rapporto di lavoro subordinato,  nel  rispetto dei principi dettati dalle menzionate disposizioni, anche in  assenza degli accordi individuali ivi previsti.”

Sotto il profilo operativo, l’accordo individuale è quindi provvisoriamente sostituito da una dichiarazione che lo smart working si riferisce ad un soggetto appartenente a una delle aree a rischio.

Nella procedura telematica (che resta obbligatoria attraverso il portale “cliclavoro.gov.it”) devono pertanto essere fornite le seguenti informazioni:

• Data sottoscrizione: sarà la data coincidente con la data di inizio del periodo di smart-working;

• File accordo: in sostituzione dell’accordo dovrà essere allegato un file in formato PDF/A contenente una autodichiarazione dell’azienda nella quale sia presente un riferimento al DPCM citato e le informazioni anagrafiche (tra le quali il codice fiscale) del lavoratore coinvolto nella comunicazione.
Per tutte le altre informazioni richieste in fase di comunicazione, restano applicate le regole ordinarie. 
Sulla base delle primissime informazioni fornite dal Ministero del Lavoro, abbiamo pertanto predisposto una traccia di dichiarazione che si allega alla presente. Si allega, inoltre, l’informativa sulla salute e sicurezza nel lavoro agile ai sensi dell’art. 22, comma 1, L. 81/2017.  
Sarà nostra premura aggiornarVi tempestivamente in caso di ulteriori novità in merito. A disposizione per ogni necessità, porgiamo i nostri migliori saluti.  

AMARELLI & PARTNERS – QUINZAN

I nostri contatti

Via Mulini, 9/A

25087 Salò (BS)

P.IVA e C.F. 02222180982

Ufficio: 0365.20825

Email: info@studio-associato.net

Web: www.studio-associato.net

Il nostro team è attivo da più di 30 anni nella Consulenza del Lavoro e nell'elaborazione di paghe e contributi, e annovera professionisti di grande esperienza.

  • Grey Facebook Icon
  • Grey LinkedIn Icon

Copyright 2020 by Amarelli & Partners - Partita IVA 02222180982