Vi segnaliamo che è stata pubblicata, nel Suppl. Ordinario n. 21 della Gazzetta Ufficiale n. 120 del 21
maggio 2021, la Legge n. 69 del 21 maggio 2021, di conversione, con modificazioni, del decreto-legge
22 marzo 2021, n. 41, recante misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori
economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all’emergenza da Covid-19.
Due sono le principali novità di cui desideriamo darvi comunicazione:
➢ Sanatoria termini di decadenza domande di cassa ed SR41 (art. 3bis)
I termini di decadenza per l’invio delle domande di accesso ai trattamenti di integrazione
salariale collegati all’emergenza epidemiologica da COVID-19 e i termini di trasmissione dei dati
necessari per il pagamento o per il saldo degli stessi, scaduti nel periodo dal 1°gennaio 2021
al 31 marzo 2021, sono differiti al 30 giugno 2021.
Attendiamo al riguardo la circolare Inps per le indicazioni operative.
➢ Welfare aziendale (art. 6 quinques)
Viene prorogato al periodo di imposta 2021 il raddoppio della soglia di esenzione dall'IRPEF
per i beni ceduti e i servizi prestati al lavoratore. Tale limite viene elevato da 258,23 euro a
516,46 euro.
Ricordiamo che se il valore complessivo dei beni e servizi ceduti e i servizi prestati al lavoratore
a titolo di welfare aziendale è superiore al limite indicato, l'intero valore concorre a formare il
reddito imponibile.

Come di consueto lo Studio è a vostra disposizione per qualsiasi approfondimento in materia.

AMARELLI & PARTNERS

Circolare n.20

Conversione in legge del decreto-legge “Sostegni”

23 maggio 2021