Circolare n.40

Smart working: l'obbligo della comunicazione entro il 1/11/2022

29 agosto 2022

Segnaliamo che il Ministero del Lavoro, in risposta alle numerose richieste di chiarimento intervenute sulla modalità di comunicazione massiva dello smart working, ha emanato una nota ufficiale nella quale precisa che “la piena operatività della nuova procedura richiede, tra l'altro, anche l'adeguamento dei sistemi informatici dei datori di lavoro relativamente all'utilizzo dei servizi Rest di invio delle comunicazioni, che presuppongono il colloquio dei sistemi informatici del datore di lavoro con quelli del Ministero e che rappresentano una modalità alternativa all'uso dell'applicativo web sopraindicato.
Per tali ragioni, in fase di prima applicazione delle nuove modalità, l'obbligo della comunicazione potrà essere assolto entro il 1° novembre 2022”.

Il differimento dei termini si riferisce alle sole comunicazioni telematiche, che normalmente sarebbero da rendersi entro 5 giorni dalla trasformazione della modalità di svolgimento della prestazione, fermo restando la necessità degli accordi individuali, perché il dipendente possa lavorare in modalità di lavoro agile già a decorrere dal 01/09/2022.

Il Ministero ricorda anche che, eventuali precedenti accordi già comunicati prima del 1° settembre, senza che intervengano modifiche, o proroghe, restano validi secondo le modalità della disciplina previgente.

Come di consueto lo Studio è a vostra disposizione per qualsiasi approfondimento in materia.

AMARELLI & PARTNERS